Attualità
Secondo caso a Massarosa

Febbre del Nilo: turista tedesco infettato in Versilia. Quarto caso in Toscana

Febbre del Nilo: turista tedesco infettato in Versilia. Quarto caso in Toscana
Attualità Massarosa, 25 Agosto 2022 ore 10:23

Secondo caso in pochi giorni in Versilia, in entrambi i casi a Massarosa. Questa volta a essere stato infettato dalla "febbre del Nilo" è stato un turista tedesco.  Con lui salgono a 4 i casi in Toscana.

Febbre del Nilo: turista tedesco infettato

Un turista tedesco 70enne, in vacanza in Versilia, a Massarosa, è stato ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Livorno per aver contratto il virus West Nile.

Da Malattie infettive fanno sapere che l'uomo è affetto da una forma seria di meningo-encefalite ed è in prognosi riservata. Le sue condizioni sono stabili.

Nelle prossime ore la sindaca di Massarosa firmerà un'ordinanza per informare la popolazione e mettere in atto quelle semplici azioni necessarie a evitare la presenza di zanzare nelle vicinanze delle abitazioni. Si tratta del quarto caso in Toscana.

Non è il primo caso che riguarda Massarosa (mentre sale a 4 in totale in Toscana). Tre giorni fa è stato dimesso dall’ospedale di Empoli un 16enne di Fucecchio che aveva contratto la malattia durante le due settimane di vacanza passate in Versilia.

Se però per il giovane si è ipotizzato che la puntura della zanzara durante una gita al lago di Massaciuccoli lo avesse infettato, non si può dire altrettanto per il turista tedesco che non è stato al lago.

Generalmente il virus West Nile causa sintomi lievi che possono anche passare inosservati, tuttavia nelle persone anziane o a rischio può provocare anche se raramente (1 ogni 150 persone infettate) una malattia grave e ancor più raramente (1 ogni 1.000 persone infettate) mortale.

È trasmesso dalla puntura delle zanzare comuni (Culex pipiens), attive al crepuscolo e durante la notte.

Dopo 3-14 giorni dalla puntura di una zanzara infetta, la maggior parte delle persone non sviluppa alcun sintomo; circa il 20% delle persone ha una forma lieve simil-influenzale che può lasciare uno stato di debolezza e affaticamento.Le persone, in particolare gli anziani ma anche coloro che sono affetti da disturbi immunitari, patologie croniche come i tumori, diabete, malattie renali, per esempio, possono sviluppare una forma grave, con meningite ed encefalite. In questi casi, la guarigione può avvenire dopo settimane o mesi e possono

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter