Cronaca
La lite in famiglia

In carcere a 84 anni l'ex sarta di Sofia Loren

La donna ha brandito un coltello e ha ferito il marito che la picchiava

In carcere a 84 anni l'ex sarta di Sofia Loren
Cronaca Camaiore, 16 Agosto 2022 ore 22:25

In carcere a 84 anni, e già questa sarebbe una notizia. Se poi si parla della ex sarta di Sofia Loren ovvio che la cosa faccia molto rumore.

Sembra che la signora Loretta, così si chiama l’anziana, abbia accoltellato il marito perché la stava picchiando durante una lite, questa la versione data da Gabriella Stramaccioni, garante dei detenuti a Roma.

In pratica lo scorso 9 agosto, tra Loretta e il marito, è scoppia una lite furibonda. Il consorte, secondo la ricostruzione della donna, prima l’ha minacciata e dopo ha iniziato a picchiarla. La donna, solo per difendersi, ha brandito un coltello e lo ha colpito, dopodiché ha chiamato le forze dell’ordine. E mentre l’uomo è stato trasferito in ospedale (dove è stato ricoverato in prognosi riservata, anche se non in pericolo di vita), la donna è stata arrestata. Il gip ha emesso per lei un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Ecco perché è stata trasferita a Rebibbia.
La donna è stata arrestata, nel cuore della notte in casa propria e tradotta a Rebibbia senza darle il tempo di vestirsi e di prendere gli oggetti personali di uso quotidiano, come la dentiera. Da sarta di quella che probabilmente è stata la star più luminosa del cinema italiano a galeotta il passo è stato breve e anche piuttosto brusco e brutale. Tanto che le condizioni con le quali è arrivata al Rebibbia ha fatto sì che intervenisse immediatamente la garante dei detenuti del Comune di Roma, Gabriella Stramaccioni, la quale ha raccontato la vicenda sui social, mobilitandosi per trovare una soluzione alternativa per l’anziana donna. Una mobilitazione che ha permesso di far tradurre, appena il magistrato darà l’assenso, in una casa d’accoglienza l’anziana signora.

La garante Stramaccioni, ha dedicato il giorno di Ferragosto a una visita nelle carceri, dove ha incontrato l’anziana e si è presa a cuore il suo caso. Garante che ha ribadito che l’ex sarta di Sofia Loren è stata: “Prelevata dalla sua casa in pigiama, senza la possibilità di prendere nulla. Neanche la dentiera. Certo, forse in quel momento non vi erano alternative, ma le alternative vanno pensate e costruite. A partire dai consigli di aiuto sociale. In un momento così drammatico per il carcere come si può pensare di recludere una donna di 84 anni?".

E poi ha continuato: "Certamente la faremo uscire. Ho preso impegno con lei per la ricerca di un alloggio. Ma altrettanto vero che la signora non doveva entrare. Della serie: una telefonata allunga la vita. Anche quella che le istituzioni preposte possono fare per attivare i servizi dedicati. Infatti adesso grazie all’intervento di due suore, suor Maria Pia e suor Salomé è stata trovata una casa di accoglienza per Loretta. Abbiamo subito inoltrato la disponibilità al Magistrato sperando si possa risolvere velocemente questa assurda vicenda".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter